La Casa di Carta è senza dubbio il contenuto televisivo in cui sono mostrate più banconote in assoluto. Con l’assalto prima alla zecca di stato a Madrid e poi al Banco de España, la serie si è distinta per l’enorme quantità di tagli, soprattutto da 50 euro, esposti durante la serie.

Com’era scontato, non si tratta di banconote reali – tant’è vero che riportano sul fronte l’immagine stilizzata del Professore e di quattro suoi collaboratori. E’ però interessante capire come abbiano fatto a stamparne in tale misura, e questo particolare curioso offre ancor più lustro allo straordinario lavoro fatto per questa serie.

La Casa di Carta, svelato come siano riusciti a produrre tutti quei soldi in poco tempo

Per riuscire a stampare una così ingente quantità di fogli in poco tempo, era indispensabile rivolgersi a professionisti del settore. Chi meglio di uno dei più antichi giornali pubblicati a Madrid per offrire un supporto del genere?

Gli showrunner si sono rivolti dunque alla sede di stampa del quotidiano spagnolo ABC, nella loro capitale, sfruttandole quasi integralmente per alcuni giorni e producendo tutte le copie di denaro necessarie. Inizialmente, a commissionare l’operazione ci aveva pensato la produzione in vista della messa in onda su Antena 3. Le potenzialità del format hanno poi convinto Netflix a scommettere sulla serie, trasformandola in uno dei prodotti di punta all’interno del proprio catalogo.

Secondo un’indiscrezione, la quinta e ultima stagione de La Casa di Carta sarebbe dovuta essere inserita in catalogo già lo scorso 7 aprile, per poi rivelarsi errata. I fan scalpitano nell’attesa che la prossima stagione venga caricata sulla piattaforma di streaming, ma potrebbe volerci ancora più tempo di quanto preventivato.