IPTV: ecco quali sono i pericoli che si corrono ad avere Sky e DAZN quasi gratis

Si torna a parlare di IPTV in Italia. Con l’assegnazione della Serie A è chiaro che per la prossima stagione, gli appassionati di calcio dovranno dotarsi non di uno ma bensì di tre abbonamenti alle pay tv. Le partite del massimo campionato di calcio andranno in onda su DAZN, mentre la Champions League sarà divisa tra Sky e Amazon.

Per evitare una tripla sottoscrizione, tanti utenti sono attratti dalla tecnologia dello streaming illegale, nonostante tutti i rischi del caso.

 

IPTV, tutti i rischi di chi guarda DAZN e Sky quasi gratis

In Italia l’IPTV ha conosciuto le luci della ribalta negli scorsi mesi grazie allo strumento dei “pezzotti”. In queste settimane, invece, si sta diffondendo anche lo streaming illegali favoriti dai canali VPN. Proprio con questa tecnologia, gli utenti riescono ad accedere ai ticket di Sky e di DAZN in assenza di un abbonamento regolare.

Al netto dei risparmi, però, i rischi sono altissimi, ad iniziare dalle truffe. Dopo aver contattato via WhatsApp o Telegram, malintenzionati che garantiscono l’IPTV, tante persone non hanno ricevuto alcun servizio in cambio. In questo caso, il pericolo può essere quello di perdere i propri risparmi.

Attenzione poi anche ai rischi dal punto di vista giuridico. Chi sceglie lo streaming illegale può incorrere in una sanzione amministrativa che prevede una multa di 30mila euro o anche, scenario ben peggiore, nel carcere sino a tre anni.

Per quanto concerne la tecnologia VPN, si deve sottolineare che di per sé il sistema non è illegale. La VPN anzi può essere strumento consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.