mascherine

Le mascherine sono diventate dal 2020 uno dei gadget maggiormente usati in tutto il mondo. Di fatto, è inevitabile non indossarle, essendo che senza di essere nel nostro Paese non è possibile fare nulla all’aria aperta. Le suddette possono essere di vari tipi di materiale, e possono essere chirurgiche, FFP2 e chi più ne ha più ne metta.
Tuttavia, si sta cercando di essere più tecnologici anche per quanto riguarda questo settore, in modo da rendere il tutto più sicuro possibile. L’azienda LIGC Applications ha infatti annunciato di recente di aver inventato la mascherina protettiva migliore in assoluto. Scopriamo di seguito il suo funzionamento.

 

Mascherine: in che modo la tecnologia ci può aiutare contro il virus

Queste mascherine innovative si chiamano Guardian G-Volt, e sono state sviluppate tramite uno studio di 5 anni, così da rendere le migliori che ci siano. Ciò che la rende la migliore è il fatto di poterla utilizzare sempre, sterilizzandola, evitando di usarne una e gettarla. Ciò è anche eco-friendly, cosa che in questo momento non guarda mai. Fondamentale è anche il risparmio che abbiamo con una maschera riutilizzabile, piuttosto che andare a comprare mascherine nuove.

Passando al materiale con cui è composta, c’è il grafene, che è un materiale antibatterico per natura, che filtra l’aria che è rimasta intrappolata nei microrganismi. In tutto ciò, impiega anche una scarica elettrica a bassa tensione, che impedisce l’azione e la proliferazione dei batteri stessi. Questi ultimi, vengono abbattuti per il 99,9% se superano i 0,3 micron. Inoltre, c’è da dire che le scariche stesse sterilizzano la maschera ed è possibile la ricarica con un cavo USB in dotazione.

Tutto fantastico, ma il prodotto non è ancora pronto per essere lanciato, essendo che è ancora in fase di sperimentazione. Proprio per quanto motivo, non è ancora chiaro quando sarà possibile avere a disposizione questo strumento, il quale sarebbe sicuramente eccezionale.