IPTV: se credete di scamparla vi sbagliate, la Guardia di Finanza agisce

L’IPTV è al giorno d’oggi ancora molto popolare in Italia. Lo streaming illegale purtroppo si conferma una piaga per la televisione italiana, con sempre più clienti che decidono di guardare Sky senza un regolare abbonamento.

 

IPTV con pezzotto e VPN: tutti i rischi per gli utenti

Ad oggi, lo streaming illegale IPTV è ancora legato alla tecnologia dei “pezzotti”, nonostante si sia facendo sempre più strada la tecnica dei canali VPN. Proprio con l’ausilio dei canali VPN, gli utenti – una volta trovati i contatti via chat su Telegram e su WhatsApp – riescono ad accedere ad alcuni link per la visione Sky senza un ticket regolare.

Gli utenti che scelgono l’IPTV sono ovviamente spinti dall’idea del risparmio. Tuttavia, ci sono anche delle importanti controindicazioni per lo streaming di Sky. Si parte, ad esempio, con le truffe. Nel corso di queste ultime settimane, tante persone hanno pagato un servizio IPTV senza ricevere in cambio alcun servizio, perdendo quindi tanti soldi.

Attenzione poi anche ai rischi a livello giuridico. Chi sceglie la tecnologia IPTV può incorrere in una sanzione amministrativa dal valore di 30mila euro o anche nella reclusione sino a tre anni.

Sule VPN c’è da fare un piccolo approfondimento. Se sfruttata in modo legale, la VPN è un servizio consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.