Luna

Saranno contenti gli appassionati di pesca, ma soprattutto gli astronauti che faranno capo alla base lunare. Infatti alcuni scienziati francesi pensano sia possibile in un prossimo futuro pescare sulla Luna. Ovviamente non sono stati scoperti pesci su questo satellite naturale, ma pare che sia possibile allevarli.

È molto interessante l’idea che sulla Luna presto si potrà gustare del buon pesce fresco. Molti però si staranno chiedendo come sarà possibile. Sorprenderà tutti i risultati della ricerca svolta dall’Istituto Francese di Ricerca per lo Sfruttamento del Mare.

 

A breve si potranno allevare pesci anche sulla Luna

Ebbene sì, il nuovo studio Lunar Hach Program ipotizza con molta probabilità che a breve gli astronauti potranno allevare e pescare sul satellite naturale della Terra. Questo documento di ricerca pubblicato sulla rivista Springer indica come alcune specie avrebbero uova di una resistenza tale da sopportare un viaggio sulla Luna.

La prova ha individuato quelle del branzino e dell’ombrina boccadoro. In pratica un campione delle uova di questi pesci si sono fatte un viaggio “prova” verso la Luna simulandolo a bordo della navicella spaziale russa Soyuz.

Perché proprio le uova di questi due pesci? L’arcano mistero è subito svelato. Infatti Cyrille Przybyla, direttore dello studio, insieme ai suoi colleghi, ha capito che sia il branzino come l’ombrina hanno caratteristiche tali da fargli sopportare una vita sulla Luna. Sicuramente prima di finire in padella, al forno o in un gustoso e leggero sushi.

In pratica queste due specie non hanno bisogno di molto ossigeno e producono poca anidride carbonica. Due elementi essenziali per garantirne la sopravvivenza sulla Luna. Inoltre il tempo di schiusa delle uova è davvero breve.

Ben il 76% delle uova di branzino che hanno subìto forti vibrazioni e scosse sono riuscite a schiudersi. Quelle dell’ombrina boccadoro addirittura il 95%. Ottimi risultati che fanno bene sperare per un prossimo viaggio con destinazione Luna. Sempre che l’asteroide più grande mai visto che sfiorerà la Terra il 21 marzo non ci estingua.