BMW

L’acquisto di un automobile personale è in assoluto uno dei traguardi più importanti nella nostra vita. Quest’ultima, di fatto, rappresenta un vero e proprio simbolo di indipendenza e di crescita personale. Ciononostante, però, in alcuni casi tutto questo entusiasmo può svanire in breve tempo, trasformandosi in un vero e proprio incubo. Recentemente, di fatto, alcuni automobilisti hanno dovuto affrontare delle problematiche estremamente serie che, purtroppo, hanno spinto molteplici aziende automobilistiche, come Renault, Ford, Toyota e Honda, a richiamare in fabbrica centinaia di migliaia di veicoli.  Con l’inizio del 2021, la normalità sembrava essersi ripristinata ma, purtroppo, dei nuovi scandali hanno colpito due fra i marchi più famosi del settore, ovvero BMW ed Audi. Scopriamo di seguito i problemi riscontrati.

Audi e BMW: migliaia di veicoli colpiti da un nuovo problema

Iniziamo parlando di BMW. A quanto pare, di fatto, l’azienda si è vista recentemente costretta a richiamare in fabbrica molteplici veicoli a causa di un difetto rilevato sui radiatori. Il problema, dunque, sembrerebbe essere legato ad un ricircolo dei gas di scarico non corretto. Secondo alcune stime, il guasto pare essersi presentato su oltre 1 milione di veicoli commercializzati dal 2018 ad oggi.

Per quanto riguarda Audi, invece, il guasto risulta essere estremamente meno diffuso. Nonostante la pericolosità del problema sia decisamente più elevata, si tratta infatti di un difetto nella saldatura del pedale del freno, l’azienda ha annunciato che i veicoli interessati dal problema sono poco più di 300. Nello specifico, il guasto sembrerebbe presentarsi solo sulle vetture prodotte tra Luglio ed Agosto 2020.