blank

Un gruppo di ricercatori dell’Università della Pennsylvania ha creato un robot composto principalmente da ghiaccio con la capacità di ripararsi su qualsiasi pianeta.

IceBot è stato presentato alla IEEE / RSJ International Conference on Robots and Intelligent Systems (IROS). Alla presentazione, la piccola macchina sembrava un’alternativa per esplorare altre atmosfere della nostra galassia.

Ma come funzionerebbe IceBot su un altro pianeta?

Come accennato in precedenza, la caratteristica più eccezionale di questo tipo di robot è che è costruito col ghiaccio. Ciò significa che può operare su qualsiasi pianeta con temperature molto basse, cioè condizioni simili all’Antartide.

“Su un pianeta freddo, il robot potrebbe ottenere ghiaccio localmente”, anche “utilizzare calore, acqua o un trapano elettrico per scolpire e riparare se stesso”. Questo gli avrebbe permesso di creare i pezzi necessari per potersi muovere e sopravvivere in un altro mondo.

Sebbene l’idea sembri interessante, i robot potrebbero avere problemi con la scheda elettronica o le batterie. In che senso? Se il corpo di ghiaccio inizia a sciogliersi, potrebbe finire per influenzare il circuito dell’apparecchio. Quindi l’idea è che la temperatura venga mantenuta in ogni momento e in ogni luogo.

Per fare ciò, i robot dovrebbero bilanciare la loro temperatura interna in modo che nessuna delle loro parti si sciolga. In caso contrario, i circuiti potrebbero danneggiarsi completamente rendendo inutilizzabile l’apparecchio.

IceBot si allena in Antartide

Al momento IceBot è addestrato in ambienti antartici e non è esclusa la possibilità che venga utilizzato su altri pianeti. Dopotutto, il ghiaccio è un elemento presente in tutta la galassia.

In effetti, questa formazione può aprire la strada a questo minuscolo dispositivo da 6,3 kg, costruito a mano nel laboratorio GRASP dell’Università della Pennsylvania. Pertanto, i robot del ghiaccio potrebbero diventare un’ulteriore opzione per la NASA per continuare a esplorare lo spazio.