Uno studio recente ha dimostrato che un sonno irregolare può aumentare il rischio di depressione a lungo termine di una persona tanto quanto dormire poche ore o stare alzata fino a tarda notte per diversi giorni consecutivi, influenzando anche l’umore del giorno successivo.

Approfondiamo la questione legata al sonno irregolare

L’analisi in questione è stata condotta da un team di medici del Michigan Medicine Academic Center sui dati di oltre 2.100 medici raccolti nel corso di un anno dall’inizio della loro carriera. In particolare, i ricercatori si sono concentrati su chi aveva appena iniziato il tirocinio in ospedale dopo aver terminato gli studi presso la facoltà di medicina, in quanto adattarsi a nuovi orari di lavoro irregolare sarebbe stato uno dei grandi problemi all’inizio di questa esperienza.

Monitorando il proprio sonno e altre attività tramite dispositivi semplici come fitness tracker e smartband collegati ad applicazioni per smartphone, è stato possibile effettuare test trimestrali e comprendere la possibile correlazione con la depressione.

I risultati sono stati i seguenti: i tirocinanti i cui dispositivi avevano orari di sonno variabili avevano maggiori probabilità di ottenere punteggi più alti nei questionari standardizzati sui sintomi della depressione e di avere valutazioni dell’umore giornaliere inferiori; allo stesso modo, tutti coloro che sono rimasti alzati fino a tardi o hanno dormito meno ore hanno ottenuto punteggi più alti sui sintomi della depressione e meno sull’umore quotidiano.

Il ricercatore capo di questo studio Yu Fang ha dichiarato: “I dispositivi indossabili ci consentono di studiare i fattori comportamentali e fisiologici della salute mentale, compreso il sonno, su una scala molto più ampia e accurata di prima, aprendoci un campo entusiasmante da esplorare. I nostri risultati mirano non solo a guidare l’autogestione sulle abitudini del sonno, ma anche a informare le strutture di pianificazione istituzionale ” .

Anche la collega Cathy Goldstein ha detto la sua su questa ricerca e sull’uso dei wearable: “Questi dispositivi, per la prima volta, ci permettono di registrare il sonno per lunghi periodi di tempo senza sforzo da parte dell’utente. Abbiamo ancora domande sull’accuratezza delle previsioni del sonno fatte dai tracker dei consumatori, anche se il lavoro iniziale suggerisce prestazioni simili a dispositivi di actigrafia clinica e di ricerca che sono stati approvati dalla FDA “ .

Tuttavia, Goldstein ha sottolineato che il campione utilizzato per questo studio è particolarmente giovane, quindi sarebbe interessante vedere altri studi per diverse fasce di età in modo da confermare i risultati anche per altre persone.

Tra le altre cause di depressione vi sono anche la mancanza di attività fisica, che aumenta il rischio fino al 98%, o addirittura la discriminazione e il cyberbullismo sui social network.