sonno

Il sonno è lo stato di riposo che si contrappone alla veglia. È il momento in cui “ricarichiamo” le pile sentendoci subito energici e pieni di forza. Questa sensazione di benessere che avvertiamo dopo esserci svegliati è qualcosa che riguarda tutto il nostro corpo e, in particolare, il nostro cervello.

Sembra infatti che solo il sonno e non un semplice riposino possa favorire il corretto funzionamento del corpo in primis ma soprattutto del cervello. Quest’organo, di fatto, dopo un bel sonno ristoratore raggiunge un elevato livello di funzioni cognitive oltre che una fase di recupero davvero significativa. Ciò è quello che dimostra uno studio pubblicato sulla rivista SLEEP da un team di ricercatori dell’Università di Friburgo. Per giungere alla conclusione che il sonno è l’univa cosa che davvero garantisce il corretto funzionamento del cervello essi hanno analizzato le reazioni di 66 partecipanti ad un particolare esperimento di apprendimento visivo.

Durante questi esperimenti i soggetti dovevano, dopo un idoneo addestramento, riuscire a distinguere determinati modelli di immagini. Gli scienziati, però, hanno suddiviso i 66 partecipanti in tre gruppi: un gruppo era stato tenuto sveglio mediante TV e il gioco del ping pong; il secondo gruppo aveva potuto dormire per un’ora mentre  il terzo gruppo era stato tenuto sveglio ma in una stanza al buio e priva di stimoli provenienti dall’esterno. Al termine degli esperimenti gli studiosi hanno scoperto che i soggetti del secondo gruppo ottenevano risultati migliori rispetto sia ai soggetti del primo gruppo che del secondo. Alla luce di ciò, è evidente che il sonno profondo ha un impatto fortemente positivo sul cervello e sulla connettività delle cellule nervose.

Questo vuol dire che le ore di sonno non possono essere sostituite dal semplice riposo almeno, non senza avere impatti negativi sulle funzioni cognitive e dunque, sulla vita quotidiana.

FONTESleep