webTim Berners-Lee – che ha contribuito a dar vita al concetto stesso di Internet – ha affermato che il piano australiano di far pagare alle grandi aziende ciò che postano online potrebbe rendere il web “impraticabile”.

L’inventore del World Wide Web ha affermato che le leggi proposte potrebbero interrompere l’ordine fino ad ora stabilito. “In particolare, sono preoccupato che queste leggi rischino di violare un principio fondamentale del web richiedendo soldi in cambio dell’accesso ai contenuti“. È un problema che divide sostenitori e critici di questa proposta di legge australiana. Potrebbe essere l’inizio della fine dell’accesso gratuito che contraddistingue il web? In Europea funzionari e legislatori stanno redigendo nuove normative a riguardo.

“Il concetto di pagare un gruppo molto piccolo di creatori di siti Web o di contenuti per apparire esclusivamente nei nostri risultati di ricerca costituisce per noi un pericoloso precedente che presenta rischi ingestibili“, dichiara Google. Peter Lewis, direttore del think tank Center for Responsible Technology dell’Australia Institute, ha affermato che il valore monetario del giornalismo di interesse pubblico deve ancora essere stabilito. “Il motivo per cui è un processo effimero, se vuoi, è che nessuno ci ha mai provato prima“.

Google e Facebook si ribellano alle nuove normative proposte in Australia, con il supporto del fondatore del web

Come valuti la pubblicità in assenza di notizie?”. Google ha reagito intensificando gli accordi per la licenza dei contenuti con le società tech australiane. Facebook ha risposto impedendo agli utenti di accedere e condividere le notizie australiane. Il tesoriere Josh Frydenberg ha modificato la bozza di legge dopo i colloqui con il CEO di Facebook Mark Zuckerberg e Sundar Pichai, amministratore delegato di Alphabet Inc. e Google.

La Commissione esecutiva dell’UE ha proposto nuove regole volte a domare le aziende più grandi. La Gran Bretagna, che ha recentemente lasciato l’UE, sta pianificando riforme digitali simili che includono il ribaltamento del rapporto tra piattaforme online e editori/giornalisti. “Sono necessarie nuove misure normative. Altrimenti la maggior parte degli editori non avrà il potere di raggiungere accordi”.