Diesel

Una notizia clamorosa. Chi l’avrebbe detto che il colosso petrolifero Shell passasse dal diesel e altri carburanti alla ricarica delle auto elettriche. Fino a qualche anno fa, visto il mercato del petrolio, sarebbe stata pura fantasia. Invece oggi sembra essere una vicina realtà per chi, nel mondo dei carburanti, vuole sopravvivere.

 

Shell abbandona il diesel per ricaricare le auto elettriche

Incredibile, ma vero. Dopo la scelta del neonato Gruppo Stellantis di riconvertire la produzione dello stabilimento Trémery, ora tocca a Shell. Il famoso colosso petrolifero sembra pian piano abbandonare il diesel e gli altri carburanti per entrare nel mercato delle auto elettriche.

Infatti l’azienda ha acquistato Ubitricity uno dei maggiori network di colonnine per la ricarica delle auto elettriche in Gran Bretagna. Una mossa che inizia a delineare l’identità futura che l’azienda anglo-olandese vuole costruire. In sostanza Shell sta puntando a diventare una compagnia compagnia green entro il 2050.

È l’azienda stessa ad affermarlo in una dichiarazione fornita alla stampa. “Questa acquisizione segna l’espansione di Shell nel mercato in rapida crescita della ricarica per veicoli elettrici su strada e fornirà competenze strategiche, aiutando Shell ad ampliare la sua offerta complessiva di ricarica per veicoli elettrici”. Abbandonare il diesel per questa azienda vuol dire sviluppare un mercato in forte crescita ed espansione.

 

Il futuro dell’elettrico e la corsa ad un mercato green in forte espansione

Shell entro fine anno pensa di acquistare tutte le stazione di ricarica di proprietà della Ubricity. La rete diffusa in tutta la Gran Bretagna conta quasi 3.000 postazioni. Occorre anche precisare che la diffusione delle colonnine di ricarica per le auto elettriche ad oggi non è ancora tale da rispondere in modo equo alla richiesta. Quindi si sta parlando di un settore non solo in forte crescita, ma che deve per forza espandersi e il più velocemente possibile.

Sicuramente Shell ci ha visto lungo non solo in merito al mercato dell’elettrico contro il diesel, ma anche scegliendo di acquisire Ubrecity. Quest’ultima, fondata a Berlino del 2008, pur essendo un’azienda relativamente giovane, oggi è diventata il primo protagonista in Gran Bretagna per diffusione delle colonnine di ricarica. Il destino delle auto elettriche è segnato e molte aziende lo hanno capito bene, sperando non sia già troppo tardi.