vodafone

Uno dei temi caldi che che ha caratterizzato quest’ultimo anno è stato sicuramente l’arrivo del 5G, la rete di quinta generazione infatti, ha diviso in due la community creando due fazioni distinte, da un lato coloro che sono convinti che la rete 5G possa recare danno alla salute e dall’altro coloro che invece non temono alcun rischio.

Indipendentemente dalle opinioni però, il 5G sta arrivando, la nuova rete ovviamente diventerà lo standard di riferimento per tutti i provider telefonici, relegando il 4G a ruolo di tappabuchi nelle zone scoperte, a fronte di tale contesto viene spontaneo chiedersi, che fine farà il 3G ? La rete di vecchia generazione infatti, per molti anni ci ha accompagnato svolgendo il ruolo che ora toccherà invece al 4G, ecco dunque perché i vari providers hanno deciso di spegnere la vecchia rete di terza generazione, dal momento che non risulta più conveniente dal punto di vista economico in virtù del fatto che i costi ad essa legati superano senza ombra di dubbio le entrate.

Vodafone apre le danze

A quanto pare sarà proprio l’operatore vestito di rosso ad aprire le danze, esso ha infatti pubblicato sul proprio sito ufficiale la road map che indica lo spegnimento del 3G, dopo numerosi rinvii infatti la manovra è finalmente iniziata e entro il 28 febbraio tutte le antenne 3G saranno spente in favore di un miglioramento della rete 4G e del liberamento delle frequenze che verranno poi dedicate al DVB T2.

Si tratta dunque di un triste addio ma ovviamente inevitabile, dal momento che il 3G non offre prestazioni adeguate in termini di velocità di banda, per soddisfare l’enorme mole di richiesta di dati attuale.

blank