blank

Nel corso dell’ultimo anno, causa pandemia, moltissimi utenti hanno riscoperto passioni legate al collezionismo: uno dei rami andato per la maggiore è senz’altro la numismatica, la materia che riguarda i cultori delle monete antiche, rare o di particolare pregio.

Per questo motivo, abbiamo deciso di proporvi un elenco di monete che potreste ritrovarvi nel portafogli e magari cedere inavvertitamente: il loro valore supera i 2mila euro, arrivando a moltiplicare per 1.000 il loro valore nominale. Pertanto è bene tenere gli occhi aperti, sia nell’ambito delle monete da 2 euro sia nella folta schiera di vecchie lire che ancora oggi hanno un enorme appeal nel mercato del collezionismo.

Monete rare, potreste ritrovarvene una nel portafogli: ecco quali conviene tenere se volete guadagnarvi un gruzzoletto

All’inizio di questo elenco, non può che esserci la moneta fatta coniare dal Principato di Monaco per celebrare l’anniversario della morte di Grace Kelly. Correva l’anno 2007, e di questa moneta furono fatte incidere poche copie: una vera e propria edizione limitata, che oggi potrebbe valere circa 2.500 euro.

Anche il Vaticano ha coniato delle monete particolari in alcuni casi, come quella nata per festeggiare la Giornata Mondiale della Gioventù tenutasi a Colonia, nel 2005. Se doveste ritrovarvela nel portafogli, sappiate che può valere anche 300 euro.

Nell’ambito delle vecchie lire, non c’è alcun dubbio che a dominare la classifica si piazzi la 5 lire del 1956, coniata durante gli anni ‘50: i collezionisti arriverebbero a pagare anche  2.000 euro per averne un esemplare.

Infine, troviamo le 50 lire del 1958: la moneta che rappresenta il dio Vulcano nudo che batte il metallo sull’incudine, se tenuta in buone condizioni, può valere 2.000 euro.