ac-valhalla-assassins-creed-mistero-svelato-escalibur-spada-arco

All’inizio di gennaio, Access the Animus ha pubblicato un video in cui parlava di come il suo team avesse decodificato l’antica lingua trovata nel gioco. Hanno poi tradotto una serie di parole che possono essere trovate sulla confezione di Assassin’s Creed Valhalla Collector’s Edition.

Il team ha poi cercato di svelare altri segreti. L’utente JorRaptor ha pubblicato un video su YouTube che mostra ai giocatori come trovare un Isu Bow segreto chiamato Nodens ‘Arc nel gioco. Come rivelato dal direttore narrativo di Valhalla, Darby McDevitt, su Twitter, il metodo é in realta un  “brute force” e non sarebbe la soluzione reale del mistero.

Assassin’s Creed Valhalla: alcuni misteri sono stati risolti

Access l’Animus ha preso atto della scoperta dell’Arco Isu e ha correlato ciò che aveva già trovato, svelando l’intero mistero in un recente video. Una frase scoperta sulla confezione della Collector’s Edition che non è stata tradotta diceva: “La chiave è …”. La parola mancante era presente su un’altra parte della scatola, sotto il disegno di un corvo.

Il team alla fine ha scoperto che la spada segreta Excalibur era nascosta all’interno del disegno del Corvo e, interpretando il simbolo come parola “Spada”, ha completato la frase che sembrerebbe essere “La chiave è la spada”. In effetti, la descrizione nel gioco di Excalibur menziona che può “rompere qualsiasi cosa”, il che ha alimentato ulteriormente il mistero.

Access the Animus ha poi notato una serie di numeri Isu sulla confezione del gioco, che potrebbero essere usati come coordinate. Come scoperto nel metodo “Brute Force”, la posizione della roccia è nel mezzo di un lago nella Northumbria di Valhalla. I fan hanno scoperto che il lago assomiglia molto all’isola di Singapore. Ubisoft ha un ufficio a Singapore. Puoi individuare la posizione del minerale indistruttibile in base alla posizione nel mondo reale dell’ufficio Ubisoft di Singapore.

Questo deve ancora essere confermato da Ubisoft, ma Access the Animus sottolinea che questa sezione della mappa è stata lavorata da quello specifico studio e il linguaggio Isu è stato progettato dal designer Ubisoft Antoine Henry, che lavora nell’ufficio di Ubisoft a Singapore.