ecosiaEcosia, il motore di ricerca che utilizza le entrate pubblicitarie per piantare alberi, è ora un’opzione predefinita incorporata nel browser Brave.

Sarà disponibile per i 24 milioni di utenti che utilizzano Brave, sia su dispositivi mobili che desktop. Coinvolti anche DuckDuckGo, Qwant, Startpage, Bing e Google, nella speranza che l’azienda possa espandere la propria base di utenti. Ecosia dona l’80% dei profitti che ricava a enti di beneficenza che piantano alberi. Mentre Brave blocca automaticamente le pubblicità e altri tracker che violano la tua privacy. Una combo interessante.

Brave afferma inoltre che è più veloce e più attento alla privacy di Google Chrome o Microsoft Edge. Questo browser forse poco conosciuto ha il suo metodo pubblicitario specifico in base al quale gli utenti guadagnano premi per ciò che visualizzano. La privacy online è un diritto umano fondamentale e non qualcosa per cui dovremmo lottare, questo il principio dell’azienda.

“Vogliamo lavorare con partner che sposano la nostra causa. Siamo davvero entusiasti di stabilire questa nuova partnership con Brave. Ci consente di promuovere insieme la tecnologia etica e incoraggiare gli utenti a far parte di un mondo online migliore”. Gli utenti possono accedere a Impostazioni o Preferenze nel menu, fare clic sul motore di ricerca e selezionare Ecosia dal menu a discesa. Mentre i nuovi utenti possono selezionare Ecosia come motore di ricerca predefinito in pochi clic quando scaricano il browser.

Ecosia e Brave: nuova collaborazione per tutelare l’ambiente e la privacy

“La missione di Brave è mettere l’utente al primo posto in ogni modo. Siamo entusiasti di includere Ecosia come opzione predefinita del motore di ricerca per combinare navigazione e ricerca nel rispetto della privacy”, dichiara Jan Piotrowski, Vice President of Business Development di Brave. “Affidare agli utenti la responsabilità dei propri dati con strumenti di tutela della privacy è un passo fondamentale per riprendere il controllo”.

La partnership inizialmente verrà testata nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Europa, Australia e Canada, con l’aggiunta di altri Paesi con il passare del tempo. Ecosia è la prima aggiunta alla lista predefinita di Brave da quando Startpage è stata aggiunta alla fine dell’anno scorso. Recentemente si è impegnato a piantare 5.000 miglia di alberi in Africa – con oltre un miliardo di alberi.

Ecosia mapperà e monitorerà anche lo stato di salute della foresta con immagini satellitari e geo-tagging. L’azienda afferma che, dal 2009, ha piantato oltre 118 milioni di alberi. La società ha sempre avuto un percorso più impegnativo per attirare più utenti rispetto ad altre società. Attualmente conta circa 15 milioni di utenti in tutto il mondo, mentre Google rileva 5,6 miliardi di ricerche al giorno.

L’anno scorso, Google è stata costretta dalla Commissione Europea a offrire opzioni alternative per il motore di ricerca predefinito su Android. Tuttavia, solo i motori di ricerca che possono pagare prezzi elevati sono stati considerati. “Mette tutti l’uno contro l’altro”, afferma Christian Kroll, CEO di Ecosia. “Quindi, invece di collaborazione, ora abbiamo anche una specie di ambiente tossico tra i motori di ricerca più piccoli”.