blankL’acquisizione da parte di Google della società di fitness Fitbit è in fase di completamento. In seguito all’acquisto per 2,1 miliardi di dollari, sono in corso le indagini da parte del governo degli Stati Uniti, dell’UE e del governo australiano sull’utilizzo dei dati.

Secondo alcuni esperti questa fusione non tutelerà i diritti di riservatezza dei dati dei consumatori a favore dei profitti aziendali. Poiché il caso è stato presentato alla Commissione europea prima che la Gran Bretagna lasciasse l’UE, la decisione sui dati in questo caso è in bilico. Nell’UE Google non utilizzerà i dati su salute e benessere, o raccolti tramite sensori come il GPS, a favore dei propri annunci per i prossimi dieci anni.

Sebbene queste normative continueranno per un decennio, la “posizione radicata di Google nel mercato della pubblicità online” implica che il provvedimento potrebbe essere prorogato di altri dieci anni, se necessario. Tuttavia, l’organizzazione a favore della privacy Privacy International ha affermato che la revisione della Commissione europea è inadeguata. “Gli impegni presi probabilmente non rispetteranno i diritti alla riservatezza dei dati dei consumatori rispetto ai profitti aziendali”.

Google e Fitbit: la nuova unione che continua a far scalpore, in aumento le preoccupazioni sulla tutela della privacy

L’ipotesi è che la Commissione non abbia preso in considerazione le preoccupazioni per il settore della sanità digitale essendo una modalità ancora acerba in Europa. “Niente sembra impedire a Google di arricchire ulteriormente le sue enormi quantità di dati. L’ultimo balzo in avanti di Google cambierà le regole del gioco in tutti i modi. Consentire a qualsiasi azienda, attraverso acquisizioni e fusioni, di integrarsi così profondamente in così tanti aspetti della nostra vita, è profondamente preoccupante”. Questo quanto afferma Ioannis Kouvakas, legale di Privacy International.

“Gli utenti Fitbit si chiederanno se desiderano che dati sensibili come questo siano utilizzati e monetizzati da Google”, afferma Ed Johnson-Williams, responsabile delle politiche presso Open Rights Group. “In passato, Google ha interrotto bruscamente la spina sui dispositivi venduti ai clienti dalle aziende che aveva acquisito. Google deve anche rassicurare gli utenti Fitbit che non accadrà nulla di simile”.