WhatsApp: i truffatori vi derubano usando la vostra immagine del profilo

Anche in questi giorni, attraverso le conversazioni di WhatsApp stanno circolando voci e notizie non sempre corrispondenti al vero. La piattaforma di messaggistica istantanea si conferma il luogo quasi ideale per la condivisione di finte notizie e fake news. Bisogna prestare particolarmente attenzione ai messaggi che parlano di un ritorno per gli account a pagamento.

 

WhatsApp e gli account che tornano a pagamento: la fake news spopola

La fake news degli account a pagamento anche nelle precedenti giornate è divenuta virale, grazie ad un passaggio quasi ininterrotto da un dispositivo all’altro. I malintenzionati d’altronde hanno gioco facile, con una finta notizia che è sempre calamita di attenzione da parte del pubblico.

La strategia da parte dei malintenzionati della rete è molto chiara. Attirando l’attenzione con un messaggio senza dubbio sensazionalistico e dalla facile reaction, si spingono gli utenti verso il più classico dei tentativi di phishing. L’obiettivo è invogliare i lettori a cliccare su un link in allegato al messaggio.

Solo dopo aver cliccato il link, gli utenti di WhatsApp si renderanno conto della bufala inerente i profili a pagamento. Ma c’è di più. In alcuni casi, il click sul link potrebbe costare caro, con l’attivazione in automatico di servizi a pagamento. per questa ragione l’unica cosa da fare dinanzi a tal genere di messaggi è cancellare subito il contenuto.

Ricordiamo che dal 2014, WhatsApp è un servizio gratuito a tutti gli effetti. Gli sviluppatori della chat hanno rassicurato il pubblico sul fatto che anche nei mesi a venire la piattaforma sarà a costo zero.