Honor, Logo, Huawei, GMS, HMS, Google, Android, Android 11

Da quando Honor è una azienda indipendente, si sono susseguite tantissime notizie riguardanti la nuova vita del brand. L’azienda sta lavorando per stingere nuovi accordi e realizzare nuove partnership al fine di creare i propri device.

Dobbiamo ricordare che Honor è sempre stata strettamente legata a Huawei, ma dal momento della separazione tutto è destinato a cambiare. Il prossimo device in arrivo sarà il V40 ma di certo non sarà il device del cambiamento. Infatti questo dispositivo è stato realizzato mentre il brand era ancora sotto il controllo del gigante cinese.

Tuttavia il nuovo management di Honor sembra intenzionato a separarsi nettamente da Huawei. Gli effettivi cambiamenti si vedranno con i prossimi device che arriveranno sul mercato. Al momento il brand non ha confermato nessun dispositivo dopo il V40, ma possiamo ipotizzare che la prima mossa sarà certamente quella di abbandonare i Huawei Mobile Services.

Honor è intenzionata a rientrare nell’ecosistema Google

Secondo un nuovo report, Honor tornerà ad usare i Google Mobile Services (GMS). Il motivo principale è dettato dal fatto che non facendo più parte di Huawei, il produttore non è soggetto al BAN imposto dagli Stati Uniti.

Questo permette al brand di utilizzare i servizi Google per i nuovi device in cantiere. Al momento le indiscrezioni indicano che si sta lavorando su due nuovi smartphone ed entrambi potranno contare sui GMS. Ne consegue che i nuovi device potranno scaricare ed installare le app da Play Store invece che da Huawei AppGallery.

Purtroppo non è chiaro se il passaggio ai servizi Google sarà retroattivo. Difficilmente Honor aggiornerà i vecchi device con i GMS che quindi continueranno ad avere il supporto dei Huawei Mobile Services.