Il mondo della telefonia è sicuramente uno dei più variegati e ampi che il mondo del commercio ha da offrire, esso infatti è costellato di settori, da quello di produzione degli smartphone fino ai providers telefonici che invece gestiscono la parte legata alla rete e alle offerte di telefonia, modulando a proprio piacimento il mercato.

Negli ultimi anno poi, le telefonate hanno assunto anche valore legale, consentendo agli utenti di stipulare contratti direttamente al telefono, evitando lentezze burocratiche che congestionerebbero tutto il mercato, un dettaglio che però non è sfuggito anche ai truffatori e ai soggetti poco raccomandabili, che continuamente bombardano gli utenti con chiamate truffa.

Ecco come sono impostate

Le chiamate truffa generalmente possono seguire due strade distinte ma cone sito comune, la perdita di ingenti quantità di denaro da parte delle vittime, andando nel dettaglio, possiamo ricevere una chiamata in cui il truffatore, attraverso una serie di domande seguendo un algoritmo prefissato e ben studiato, ci porta a rilasciare alcune informazioni importanti senza rendercene conto, metodologia chiamata vishing e tanto astuta quanto efficace, soprattutto con gli utenti meno esperti.

L’altra possibilità invece si avvale della registrazione della chiamata effettuata, in modo da estrapolare i momenti in cui la nostra voce scandisce affermazioni come SI, ACCETTO o ACCONSENTO, per poi utilizzarli per farci stipulare contratti a prezzi altissima e nostra insaputa, magari sfruttando i dati estrapolati precedentemente con il Vishing.

Il consiglio che vi diamo e di fare attenzione e di verificare sempre la provenienza delle chiamate ricevute, magari chiudendo e chiamando il numero ufficiale della compagnia.