blankIl prezzo del bitcoin è aumentato di quasi il 300% nel 2020, superando i guadagni combinati dell’oro di almeno 10 volte.

I recenti guadagni hanno spinto la criptovaluta a nuovi record. Le prestazioni del Bitcoin hanno portato alcuni analisti a ipotizzare che siamo nel bel mezzo di un momento storico. Gli investitori lo considerano sempre più una forma di “oro digitale” piuttosto che un investimento speculativo o un’alternativa in contanti.

Come si è comportato il bitcoin rispetto a oro, petrolio e altre risorse

Dal picco alla fine del 2017 di circa $ 20.000, il bitcoin ha trascorso la maggior parte dei due anni in caduta libera costante prima della sua rinascita a marzo di quest’anno. Il suo ritorno è arrivato nel momento giusto, durante la pandemia. Il petrolio deve ancora riprendersi da un grave crollo di aprile ed è in calo di oltre il 20% da gennaio.

Cosa ha causato l’enorme aumento dei prezzi?

Il Bitcoin è nato dalla crisi finanziaria del 2008. Nata come una forma innovativa di “denaro elettronico peer-to-peer”. Non dipende dai governi o dalle istituzioni finanziarie. L’adozione mainstream rimane molto lontana, ma gli investitori si riferiscono sempre più alla criptovaluta notoriamente volatile come un bene prezioso, con alcuni analisti che arrivano addirittura a chiamarla “oro digitale“.

L’incertezza geopolitica causata dalla pandemia, che ha visto il crollo dei mercati azionari in tutto il mondo, in genere vedrebbe gli investitori guardare verso asset stabili come contanti o oro. Mentre la traiettoria ascendente dell’oro da marzo lo confermerebbe, la corsa al rialzo del bitcoin è stata in gran parte il risultato di massicci investimenti istituzionali che si sono spostati verso la criptovaluta.

Unendosi agli investitori istituzionali ci sono state aziende che sono entrati nel mercato e hanno acquistato bitcoin. Tra questi c’è PayPal, che ha annunciato a ottobre che avrebbe aperto le criptovalute ai suoi circa 350 milioni di utenti in tutto il mondo all’inizio del 2021.