Patrimoniale

Nel corso delle ultime settimane il web è stato invaso da centinaia e centinaia di notizie relative alla possibile introduzione di una nuova tassa Patrimoniale. Come c’era da aspettarsi, l’ipotesi ha scatenato prontamente la rabbia di centinaia di migliaia di consumatori Italiani.

Colpiti profondamente da una crisi economica e sanitaria che non accenna ad arrestarsi, ad oggi le famiglie Italiane stanno attraversando uno dei periodi più difficili di sempre. Ciononostante, però, l’attuale situazione critica è stata ulteriormente appesantita dalle fake news le quali, come ben sappiamo, hanno come unico scopo quello di diffondere panico e disinformazione. Tutto ciò, quindi, ha portato i consumatori italiani a credere che alcune nuove imposte, come la patrimoniale e la virus-tax, potessero essere reali.

Con l’obiettivo di chiarire definitivamente la questione, di recente è intervenuta attraverso i propri canali Social anche la Viceministra dell’Economia e delle Finanze Laura Castelli. Scopriamo quindi di seguito le sue parole.

Tassa Patrimoniale e Virus-Tax: ecco lo sfogo della Viceministra Laura Castelli

In queste ore, gira con insistenza, nelle varie chat, l’ennesima bufala. Voglio dirlo con forza, non c’è nessuna patrimoniale “Virus Tax”. Abbiamo chiuso un decreto con le risorse deliberate dal Parlamento, che ha autorizzato uno scostamento dei saldi di bilancio di 25 miliardi. Chiunque voglia speculare con false notizie su eventuali tasse, si metta la mano sulla coscienza. Non c’è nulla di più falso.

In un momento particolarmente delicato per il Paese, mi sento di chiedere un aiuto anche al mondo dell’informazione per isolare le fake news. Noi, maggioranza e opposizione, stiamo collaborando, più che mai, per mettere in campo tutte le misure necessarie a fronteggiare gli effetti del coronavirus, sia dal punto di vista sanitario, che da quello economico. Faremo tutto quello che serve per sostenere l’Italia e gli italiani.”

Per il momento, quindi, il rischio relativo all’introduzione di una tassa patrimoniale sembra essere scongiurato. Seguiranno aggiornamenti in merito.