Apple ha rilasciato iOS 14.3 e iOS 12.5. Quest’ultimo porta le notifiche di esposizione COVID-19 anche sugli iPhone più datati, ovvero iPhone 6 e modelli precedenti. Fino al rilascio dell’aggiornamento, infatti, le notifiche di esposizione che – per chi non lo sapesse – permettono di sapere se si è stati in contatto con una persona positiva al COVID-19, erano disponibili solo per gli iPhone 7 e modelli successivi.

Se si sceglie di attivare le notifiche di esposizione, l’iPhone cercherà dispositivi su cui sono state attivate questo tipo di notifiche e conserverà un log ciclico di 14 giorni contenente gli identificativi condivisi, che poi verificherà per rilevare potenziali contatti che persone che hanno segnalato una diagnosi di COVID-19. Se si riceve una diagnosi positiva, sarà possibile segnalarla mediante l’app.

Le novità di iOS 14.3

iOS 14.3 introduce diverse novità. Anzitutto, per gli utenti dell’Australia, del Canada, dell’Irlanda, della Nuova Zelanda, del Regno Unito e degli Stati Uniti, l’ultima versione del sistema operativo di Apple introduce il servizio Fitness+ pensato per Apple Watch.

Oltre ciò, l’aggiornamento introduce il supporto al formato ProRAW su iPhone 12 Pro e iPhone 12 Pro Max. Questo formato permette di memorizzare più informazioni ed una maggiore gamma dinamica per le foto, offrendo quindi una maggiore flessibilità di modifica dell’esposizione e del bilanciamento del bianco.

In Apple Music è adesso possibile vedere le anteprime animate delle copertine di alcuni album, mentre l’App Store presenta delle etichette che descrivono le norme sulla privacy di ogni applicazione. Infine, ma non meno importante, iOS 14.3 introduce una serie di correzioni e aggiunge la possibilità di indicare l’inizio di una gravidanza, di allattamento o l’utilizzo di contraccettivi nell’app Salute.