blank

E se un altoparlante audio commerciale potesse funzionare come un proiettore con zoom automatico per la luce e tu potessi fornire il suono che le persone vogliono, e dove vogliono?

Chinmay Rajguru, dell’Università del Sussex, discuterà del lavoro del suo gruppo di ricerca sulla creazione di un proiettore sonoro in grado di fornire suoni spaziali a distanza formando un raggio di suono udibile.

I proiettori di suono forniscono un’alternativa alle cuffie per l’utilizzo in simulazioni di realtà virtuale e realtà aumentata.

La sessione, “Un sistema di diffusione del suono spaziale per la realtà virtuale e aumentata”, si svolgerà l’8 dicembre alle 11:40 negli Stati Uniti orientali come parte del 179 ° incontro della Acoustical Society of America, che si terrà praticamente dal 7 dicembre 10.

I ricercatori volevano studiare un’alternativa alle cuffie da utilizzare nelle simulazioni di realtà virtuale e aumentata, dove il suono gioca sempre un ruolo centrale. Con le cuffie, tuttavia, gli utenti non possono interagire direttamente con il mondo esterno. Il dispositivo che hanno creato consisteva in un altoparlante portatile e due lenti metamateriali di diversa lunghezza focale disposte in un telescopio.

“Il nostro sistema traccia l’utente attraverso la telecamera e invia il suono all’utente”, ha detto Rajguru. Hanno fornito segnali tra 5 e 6 kilohertz e hanno raggiunto una precisione di 20 centimetri fornendo il suono.

Hanno confrontato le prestazioni del sistema con misurazioni e uno studio pilota con partecipanti umani. Hanno anche collegato il proiettore a un visore VR per mostrare come può essere utilizzato per consegnare messaggi in VR.

I ricercatori hanno scoperto che le stanze grandi e vuote funzionano meglio per la loro tecnologia, perché la comprensione della direzione del suono può essere più difficile nelle stanze più piccole a causa del riverbero.

Utilizzando l’hardware di tracciamento, un Kinect che hanno preso in prestito dalla console per videogiochi, sono stati in grado di coprire uno spazio di 4 metri per 4 nel mondo reale, che può essere utilizzato per dare l’impressione di coprire spazi ancora più grandi nella simulazione VR.

La trasmissione del suono direzionale potrebbe avere ampie applicazioni, ad esempio negli ospedali per fornire notifiche in un reparto specifico senza disturbare gli altri pazienti o negli aeroporti che forniscono il suono a una sezione o una persona in movimento sullo stato del loro volo.