quare-enix-final-fantasy-home-smart-working-covid-19-pandemia

In generale, l’industria dei videogiochi sta attraversando un periodo difficile per adattarsi alla vita durante la pandemia di Covid-19. Il passaggio al lavoro a distanza non è avvenuto senza i suoi vantaggi. Ora, l’editore giapponese Square Enix ha annunciato che prevede di lasciare che i dipendenti lavorino da casa come opzione permanente.

La pandemia di coronavirus ha colpito il business dei videogiochi, con un terzo degli sviluppatori che hanno ritardato il rilascio dei loro giochi in estate. Come previsto, molti (inclusa Square Enix) hanno scelto di abbandonare gli uffici a favore dello smart working.

Square Enix si organizza per il lavoro da casa

Abbiamo visto Bungie lanciare laptop “di livello sviluppatore” per mantenere i piani di Destiny 2. Tuttavia, anche con attrezzatura di fascia alta a casa, tutti gli studi hanno dovuto fare i conti con la nuova normalità dello sviluppo di giochi dalla loro casa. Alcuni stanno ora valutando la possibilità di mantenere queste misure in modo permanente.

Parlando in un post di annuncio estremamente aziendale, Square Enix osserva che tutto questo lavoro a distanza può fare molto di più che impedire ai dipendenti di ammalarsi. A partire dal 1° dicembre, le persone saranno in grado di scegliere dove desiderano lavorare.

“In tal modo, la Società spera non solo di creare un flessibile ambiente di lavoro diversificato, ma anche rafforzare ulteriormente la produttività e aiutare i dipendenti a raggiungere un equilibrio ottimale tra vita professionale e vita privata “. Ciò non significa che l’ufficio di Square Enix rimarrà completamente vuoto.

Per motivi pratici o di sicurezza, sarà comunque necessario eseguire alcuni lavori in loco. L’editore calcola che circa l’80% del personale lavorerà da remoto durante il primo mese del programma. Anche Microsoft ha annunciato in modo simile che stava ripensando al modo in cui si è avvicinata agli spazi di lavoro, osservando che il lavoro remoto dovrebbe ora essere considerato un nuovo standard.