Coronavirus: il termometro a infrarossi danneggia la salute?I contagi in Italia non crescono, restano in linea con quanto osservato nelle scorse settimane, un segnale importante che può solamente fare piacere a tutti coloro che sperano in un’attenuazione delle misure in prossimità delle feste. I casi odierni sono 25’853, con oltre 230’007 tamponi processati in 24 ore.

I numeri sono finalmente positivi, almeno in parte, i guariti sono ben 31’819 (contro 20’837 di ieri), con 722 decessi (ieri erano 853), livelli altissimi ma complessivamente attesi. Al giorno d’oggi in Italia abbiamo 791’697 contagiati, di cui 34’313 ricoverati in ospedale, mentre 3’848 sono in terapia intensiva, tutti gli altri in isolamento domiciliare.

Dall’inizio della pandemia sono 1’480’874 i casi di Coronavirus verificatisi sul territorio nazionale, con 637’149 guariti 52’028 decessi.

 

Contagi oggi 25/11/2020: cosa succede nelle regioni

 

Nelle regioni i numeri sono in fase calante, come in tutta Italia del resto, la Lombardia si ferma a soli 5’173 casi in 24 ore, seguita dal Piemonte con una crescita di 2’878 e dalla Campania con 2815.

Le altre realtà maggiormente colpite sono Veneto +2660, Emilia Romagna +2130, Lazio +2102, Sicilia +1317 e Puglia +1511. Tutte le restanti regioni sono sotto le 1000 unità, parliamo di Toscana +986, Liguria +460, Marche +448, Abruzzo +623, Friuli Venezia Giulia +696, Umbria +386, provincia autonoma di Bolzano +341, Sardegna +351, provincia autonoma di Trento +179, Calabria +335 Basilicata +339.

Le meno colpite sono le solite, Molise con 105 casi e Valle d’Aosta con soli 27 contagi in 24 ore. I numeri, come ampiamente discusso nell’articolo, stanno finalmente calando, non è ancora arrivato il momento di abbassare la guardia, salvaguardiamo il Natale mantenendo attive tutte le restrizioni del Governo, in questo modo potremo vivere nel miglior modo possibile i prossimi giorni di festa che ci attendono.