aggiornamento decoder digitale terrestre DVB T2L’Italia si prepara ad accogliere il nuovo Digitale Terrestre configurato con l’applicazione del nuovo protocollo di telecomunicazione televisiva DVB T2. Una serie di nuove regole è in atto per il passaggio generazionale dei canali e delle infrastrutture. Step by step si procede ad un aggiornamento totale che introduce sostanziali modifiche sia lato utente che fornitore. RAI e Mediaset si stanno attivando per l’upgrade che trasla tutto nel contesto dell’HD con l’abbandono dei decoder di prima generazione a l’introduzione delle ultime novità. Ecco quali sono.

 

DVB T2: serve il nuovo decoder per aggiungere i canali aggiornati

Mentre le emittenti sintonizzano i propri network sul nuovo livello di comunicazione noi utenti siamo chiamati ad effettuare la verifica DVB T2/HEVC che passa per il test gratuito reperibile attualmente ai canali 100 e 200 del televisore. Da qui scopriamo se sia o meno necessario adottare nuovi televisori o decoder. In caso di test positivo non è richiesta alcuna modifica all’infrastruttura esistente. Ma per esito negativo dobbiamo scegliere se munirci di un nuovo televisore (magari sfruttando gli sconti del Black Friday) o un nuovo decoder DVB T2.

L’acquisto di un televisore con sistema integrato non è agevolato. Diverso, invece, è il caso dei soli decoder che grazie al fondo Bonus TV del MISE si offrono a titolo gratuito per molti clienti. In particolare è possibile ottenere il decoder Gratis con uno sconto da 25 a 50 Euro presentando autocertificazione al negozio.

Nel frattempo, a riprova dei recenti cambiamenti si segnala la dismissione temporanea dei canali Cielo e TV8 che faranno ritorno ad inizio Dicembre con l’incentivo dell’alta definizione. Al tempo stesso apprezziamo l’aggiunta dei nuovi network televisivi pubblici ed in chiaro per “Telemoda” (numero 168) e “La 9” (numero 169).