blank

Ci sono stati alcuni cambiamenti e aggiunte piuttosto importanti a WhatsApp nelle ultime settimane e mesi e l’ultimo sviluppo vede l’arrivo di un sostituto per l’attuale funzionalità di chat archiviate.

La nuova versione di chat archiviate si chiama “Leggi più tardi” e apporta importanti modifiche al modo in cui i messaggi possono essere archiviati e disattivati.

La nuova opzione Leggi più tardi funziona insieme alla modalità Vacanza.

  • WhatsApp sta apportando importanti modifiche allo sfondo ad Android
  • WhatsApp sta cambiando il modo in cui segnali un abuso
  • La prossima funzionalità killer di WhatsApp è quasi pronta per essere testata

Uno dei principali cambiamenti con Leggi più tardi è che anche quando le chat sono state archiviate – o contrassegnate per la lettura in un secondo momento – nuovi messaggi arriveranno e verranno aggiunti all’archivio, ma non sarai infastidito dalle notifiche su di loro. Il testo introduttivo mostra che il pensiero di WhatsApp qui è quello di aiutare a ridurre le interruzioni.

Per ora, i riferimenti a Leggi più tardi sono stati individuati solo nella versione iOS di WhatsApp (in particolare WhatsApp Messenger beta per iOS 2.20.130.1), ma è difficile immaginare che la funzione non arriverà anche su Android. Ma dato che la funzione non è stata ufficialmente annunciata, è difficile dire con certezza quando tutti ci metteranno le mani.

Mentre le chat Leggi più tardi sono silenziate in modo da non essere disturbato da loro, la sezione Leggi più tardi è sempre disponibile nel tuo elenco chat in modo che tu possa tornare a loro quando vuoi. Se decidi di ricevere nuovamente le notifiche da un particolare thread di chat, puoi annullare l’archiviazione di una o più chat in pochi tocchi.

Al momento le modifiche possono essere viste solo da persone che si sono iscritte al programma beta TestFlight di WhatsApp. Questo è attualmente completamente sottoscritto, quindi, a meno che tu non sia già riuscito a registrarti, questo purtroppo significa che dovrai attendere che la funzione venga implementata nella versione di rilascio principale dell’app.