Asteroide: nuovo ALLARME, un altro meteorite minaccerà la Terra a breveUn asteroide sta per arrivare sulla Terra a velocità sostenuta e con una consistente mole pronta ad attaccare il suolo causando danni a cose e persone. Non si tratta del solito fenomeno di passaggio ma di un potenziale pericolo etichettato come “ad alto rischio” da parte di NASA ed ESA.

Nel corso delle interviste andate in onda ai TG si è colta la preoccupazione delle Agenzie Interspaziali ora impegnate nella missione Hera. La situazione ha richiesto il pronto intervento multilaterale di altre Nazioni tra cui anche l’italia, il cui ruolo sarà fondamentale per la buona riuscita dell’impresa. Ecco che cosa c’è da sapere.

 

Asteroide attacca la Terra: manca poco prima del possibile impatto, serve un piano di difesa per deviare la minaccia incombente

Il piano finanziato per la misura di 129,4 milioni di euro prevede la costruzione di un complesso trasmettitore interplanetario necessario per meglio interpretare i dati sulla struttura del meteorite e la sua traiettoria. Il compito sarà affidato alla nostra Nazione con la supervisione trasversale di Lussemburgo, Portogallo Repubblica Ceca, Romania e Spagna.

La data di arrivo del corpo estraneo è stata stimata entro l’anno 2024 con Franco Ongaro – direttore della Tecnologia, ingegneria e qualità dell’Esa e responsabile del centro per la scienza e la tecnologia dell’Esa (Estec) – che annuncia:

«il nuovo accordo è estremamente significativo perché corona l’idea di Andrea Milani, proposta molti anni fa.
Sull’idea di Milani la Nasa ha organizzato una missione e ci ha chiesto di partecipare. È una missione fondamentale perché stiamo aumentando la capacità di scoprire e edere nuovi asteroidi ed è la prima volta che nella realtà si prova a deviare la traiettoria di un asteroide: vogliamo vedere se ci riusciamo e se in futuro saremo in grado di farlo.

La nostra tecnologia fornirà dati essenziali agli scienziati per stabilire una strategia di difesa del Pianeta».