whatsapp

WhatsApp giorno dopo giorno mette in comunicazione utenti o gruppi di utenti. Specialmente in questa fase storica, con le nuove restrizioni causate dall’emergenza sanitaria, la piattaforma di messaggistica istantanea diventa a dir poco determinante.

Non ci sono però soltanto i lati positivi da sottolineare per WhatsApp. Come vi raccontiamo con costanza, le conversazioni sono anche caratterizzate da rischi, alcuni dei quali molto pericolosi.

 

WhatsApp ed i buoni spesa fake da 200 euro: attenzione alla truffa

In questi giorni, probabilmente anche a causa della massima attenzione sulla chat, è ripresa la condivisione dei messaggi fasulli inerenti buono sconto. Alcuni malintenzionati inviano attraverso chat di gruppo o catene delle finte promozioni con codici coupon legati alle più catene commerciali della naziona.

I buoni sconto sono accompagni da nomi molto importanti come Carrefour, Conad o anche  Euronics e MediaWorld. Il valore di questi finti coupon si attesta sui 200 euro. Agli utenti, per il presunto riscatto del vantaggio, viene chiesta la compilazione online di un form. 

E’ proprio la compilazione del form la truffa per i lettori. Attirando l’attenzione del pubblico con i buoni sconto, i malintenzionati riescono ad ottenere informazioni anagrafiche degli utenti di WhatsApp. Queste informazioni saranno poi rivendute per motivi pubblicitari.

Per i messaggi sui codici sconto vale la stessa regola per altri tipi di fake news in circolazione su WhatsApp. L’invito è sempre quello alla massima attenzione e ad eliminare subito ogni testo sospetto, ricordando che in alcun modo – dinanzi a tali messaggi – i lettori devono cliccare su link in allegato.