auto elettriche

Skeleton Technologies, in collaborazione con il Karlsruhe Institute of Technology, ha ufficialmente annunciato lo sviluppo di una batteria estremamente innovativa per le auto la quale potrebbe avere delle ripercussioni nel settore delle auto elettriche. Attualmente, purtroppo, non ci sono molti dettagli a riguardo, ma le uniche cose che sappiamo è che si sta lavorando ad una nuovissima e innovativa soluzione completamente al grafene, la quale è stata chiamata successivamente “SuperBattery“. In sostanza, questo è un accumulatore che permetterà una ricarica in un tempo record: 15 secondi. E la durata nel tempo sarà davvero lunga.

 

Auto elettriche e Grafene: il futuro è vicino

SuperBattery userà un materiale, brevettato proprio da Skeleton Technologies, che si chiama “Curved Graphene“. Secondo alcuni, questo sarebbe il segreto per far sì che ci siano delle ricariche estremamente rapide e durature nel tempo. Questi accumulatori, tuttavia, rientrano nella categoria dei supercondensatori, dunque, allo stato attuale, vedranno il loro utilizzo comunque in abbinamento alle batterie al litio tradizionali.

Questo perché la densità energetica è ancora troppo bassa, dunque questi accumulatori non riescono ad alimentare le auto elettriche tutte da sole. La SuperBattery avrà sicuramente l’opportunità di trovare la sua applicazione in diverse situazioni. Una di queste è l’utilizzo nei veicoli Plug-in o in quelli a celle combustibile. Alternativamente, potrebbe essere sfruttata come una specie di buffer per la gestione dei picchi di energia, sia in fase di accelerazione che in assorbimento, che sono le attività dove le batterie consumano più energia. Oltretutto, le attività potrebbero aumentare, anche perché quest’ultima tecnologia dei supercondensatori sembra aver attirato molti costruttori. Tra questi abbiamo la famosa azienda di Elon Musk Tesla ha acquistato la Maxwell Technologies, azienda che è specializzata proprio in questo settore.