giacenza media

Ad oggi, ormai, il conto corrente rappresenta il principale strumento scelto dagli Italiani per conservare i propri risparmi. Nonostante quest’ultimo offra molteplici funzionalità interessanti, purtroppo risulta essere un’arma a doppio taglio, specialmente se si parla di giacenza media troppo elevata. Scopriamo di seguito maggiori dettagli a riguardo.

Giacenza media: ecco i principali motivi per cui conviene mantenerla bassa

Come già accennato precedentemente, aver attivato un conto corrente risulta essere molto utile al giorno d’oggi e spesso indispensabile per effettuare alcune operazioni che, nella maggior parte dei casi, sono limitate sulle semplici carte con IBAN.

Ciononostante, però, tenere bassi i costi di questi ultimi è comunque un’interesse di ognuno di noi e, per farlo, è necessario mantenere la giacenza media su livelli bassi. Uno dei principali motivi di tutto ciò risulta essere l’inflazione, poiché non vengono più offerti rendimenti significativi sul denaro che tutti noi conserviamo su questi conti. Inoltre mantenere una giacenza media elevata incide anche sui costi gestionali del conto. Esiste infatti la così detta imposta di bollo annuale il cui importo è di 34,20 euro e va pagata anche se si possiede un conto corrente base ma esclusivamente nei casi in cui la giacenza media superi i 5000 euro.

Mantenere basso il valore della giacenza del proprio conto, quindi, risulta essere fondamentale ma soprattutto estremamente conveniente. Anche in caso di pignoramento, inoltre, è conveniente non avere più di 1379,49 euro sul conto in quanto in questi casi non potrà mai essere pignorato.

Restate connessi per scoprire tutte le ultime novità a riguardo.