bonus TvScatta nel 2022 l’introduzione del nuovo sistema di trasmissione per il digitale terrestre che comporterà, per forza di cose il cambio di molti decoder, per fortuna c’è il bonus Tv. Gia a partire dal 2020 invieranno le operazioni per l’abbandono del DVB T1, attuale standard di trasmissione a DVB T2.

In questo contesto il governo ha deciso si aiutare i cittadini instituendo il bonus Tv; il bonus consiste in degli incentivi per il cambio di decoder o di televisione per le famiglie con un reddito ISEE inferiore ai 20’000 euro. Stando alle stime pubblicate dal Corriere della Sera saranno più della metà della popolazione a doversi adattare ai nuovi standard di trasmissione; su 22,1 milioni di famiglie infatti solo 9,4 milioni possiedono già una strumentazione adeguata ai nuovi standard.

Bonus Tv: chi può richiederlo e come funziona

 

Fortunatamente per molti italiani non sarà necessario cambiare totalmente il proprio televisore ma, come detto, basterà dotarsi di un semplice decoder. A prescindere però tutti i televisori messi in commercio a partire dal 2017 dovrebbero essere in grado di supportate il nuovo protocollo. Chi invece possiede un televisore più anziano dovrà mettere mano al portafogli se vorrà continuare a vedere i canali della televisione italiana.

Fortunatamente però, come detto, c’è il bonus Tv. Il bonus può arrivare fino ad un massimo di 50 euro e viene applicato direttamente dal venditore al momento dell’acquisto. Basterà presentarsi al negozio con il modulo per il bonus già compilato in cui si attesta come si rientri nei parametri per i richiedenti; a quel punto verrà applicato lo sconto in automatico.