Banche italiane

La domanda è obsoleta, ma sembra andare sempre di moda: quali sono le banche italiane più sicure? Quest’anno sembra che il tema sia tornato sulle prime pagine dei quotidiani nazionali essendo che sono emerse le difficoltà di alcune banche. Alcune ricorrenti crisi hanno imposto agli italiani di farsi nuovamente delle domande sullo “stato di salute” delle banche a cui si sono affidati, evitando di conseguenza il rischio di continuarsi ad affidare a delle banche poco solide. A causa del Coronavirus l’argomento sembra essere ancora più caldo.

Tempo fa, la banca rappresentava per tutti i cittadini un luogo estremamente sicuro dove affidare tutti i propri averi, ma purtroppo i continui fallimenti e salvataggi dell’ultimo momento di alcuni istituti non danno agli italiani una certa tranquillità in merito.

Attraverso uno studio di alcuni particolari parametri è possibile definire quali sono le banche italiane più sicure rispetto ad altre. Tra questi parametri ci sono sicuramente la quantità di crediti deteriorati che l’istituto ha in bilancio, ossia di tutti quei prestiti che le banche hanno concesso ma che i debitori non riescono a pagare. Diverse istituzioni si sono mosse al fine di sviluppare la propria classifica in merito. Dunque, di seguito ci sono le analisi più recenti, elaborate nel corso degli ultimi anni, al fine di rendere una panoramica completa su tutto l’argomento.

 

 

Banche italiane più sicure: la classifica di SREP BCE 2019

Prendendo di riferimento il 2019, il Supervisory Review and Evaluation Process (SREP), condotto dalla Banca Centrale Europea, ha messo in essere una classifica delle banche italiane più forti.

L’ordine è stato fatto in base alla richiesta di capitale supplementare. Più alta è stata la domanda, minore è risultata la solidità. Ecco di seguito la classifica:

  • Credem: 1%
  • Mediobanca: 1,25%
  • Intesa Sanpaolo: 1,5%
  • UniCredit: 1,75%
  • BPER Banca: 2%
  • Banco BPM: 2,25%
  • Credito Cooperativo Italiano: 2,25%
  • Unione di Banche Italiane: 2,25%
  • Iccrea Banca: 2,5%
  • Monte dei Paschi di Siena: 3%
  • Banca Popolare di Sondrio: 3%

 

La classifica dell’Università Bocconi

La seconda classifica che vi proponiamo è quella dell’Università Bocconi di Milano che, nel 2017, ha stilato la classifica delle banche più sicure in Italia. Tra i nomi degli istituti più in salute ci sono:

  1. Intesa Sanpaolo, con un punteggio complessivo di 114 punti;
  2. UBI Banca con 111 punti;
  3. Banco Popolare con 101 punti;
  4. Credem con 101 punti;
  5. BPM con 95 punti;
  6. MPS con 85 punti;
  7. BPER con 85 punti;
  8. Credito Valtellinese con 80 punti;
  9. Banca Carige con 71 punti;
  10. UniCredit con 81 punti.