Contatori

C’è chi si accontenta di attaccare magneti sul frigorifero, chi invece li usa per assicurarsi che la bolletta del frigorifero sia meno cara… peccato sia una truffa bella e buona!
La storia che vi andiamo a raccontare è accaduta nella Capitale, è proprio qui che alcuni cittadini hanno escogitato un piccolo trucco per alleggerire le proprie bollette: grazie a un magnete.

Truffa del magnete, ecco come ci sono riusciti

Facendo appello alle proprie reminiscenze scolastiche relative alle lezioni di fisica, questi signori hanno applicato dei magneti vicino ai contatori, così da rallentarne il normale flusso e, di conseguenza arginando le cifre da sborsare, addolcendo in questo modo alcune bollette troppo salate. Ma la sregolata vita oltre le soglie del lecito di questi signori è durata fin troppo poco: se non è il postino a consegnarti un conto troppo alto, di sicuro ci pensa la vita.

Durante la notte, infatti, le fiamme gialle della Guardia di Finanza hanno bussato alle porte dei suddetti cittadini intente a fare luce sulle ombre emerse dalle loro bollette della luce: a quanto pare con loro il magnete non attacca! I truffaldini manomissori dei contatori ora rischiano, secondo l’art. 624 del C. P. 624 una pena di reclusione che oscilla tra i sei mesi e i tre anni, alla quale bisogna aggiungere una multa tra 103 e 1032 €; inoltre, se pure i truffatori pagassero immediatamente la somma dovuta, non sarebbe certo sufficiente a fermare il procedimento penale nonché il sequestro del contatore. Forse, a conti fatti, pagare le bollette sarebbe stato decisamente più conveniente; ma si sa, se i magneti vengono usati in questo modo, non è così assurdo per certe persone perdere la bussola!