Xbox, Series X, Series S, Lockhart, Microsoft

La console next-gen di riferimento per Microsoft sarà indubbiamente Xbox Series X. La nuova console infatti si preannuncia già come la più potente sul mercato e le aspettative sono certamente molto alte.

Tuttavia, nel corso degli scorsi mesi, sono trapelati vari rumor che facevano riferimento ad una seconda console in cantiere. Le indiscrezioni indicavano addirittura come nome ufficiale Xbox Series S e come nome in codice Lockhart. Questa console avrebbe rappresentato la volontà di offrire a tutti gli utenti un assaggio della next-gen ad un prezzo più contenuto.

Da quanto sono trapelati questi rumor è passato ormai un po di tempo. Microsoft non ha mai confermato queste voci e soprattutto non ne ha mai parlato ufficialmente. L’unica console annunciata dall’azienda di Redmond è Xbox Series X.

Xbox Series S esiste o non esiste?

Questa segretezza non fa che aumentare la curiosità degli utenti che vogliono vederci chiaro, non a caso i forum pullulano di teorie. Alcuni sostengono che la console esista, mentre altri che non vedrà mai la luce. Lo scontro tra le due fazioni è supportato anche da alcuni giornalisti che hanno offerto il proprio parere a riguardo. Tra questi spiccano Paul Tassi di Forbes e Tom Warren di The Verge. La loro visione a riguardo e diametralmente opposte.

Il primo sostiene che la console non arriverà mai sul mercato. Il lancio delle console next-gen è fissato per Natale 2020 e al momento non si sa nulla a riguardo semplicemente perché non esiste. Inoltre, lanciare una ulteriore console sarebbe controproducente per i possessori di Xbox One. Infatti, grazie al servizio Smart Delivery lanciato da Microsoft, gli utenti Xbox One potranno acquistare un gioco sulla console old-gen e giocare anche su una console next-gen.

Per quanto riguarda invece Tom Warren, Xbox Series S o Lockhart invece esiste eccome. La sua obiezione è più diretta e infatti, rispondendo ad alcuni utenti, afferma che una modalità depotenziata è presente sul Dev-Kit di Xbox Series X. Attraverso alcuni processi, è possibile limitare la potenza hardware per simulare le prestazioni della seconda console di Microsoft.

Al momento non c’è una risposta da parte di Microsoft ma, secondo voi, chi dei due avrà ragione?