Mascherine

Ormai molte persone pensano di saper indossare alla perfezione la mascherina e i guanti, ma non è così. Molto spesso non abbiamo cura nel trattarli e spesso li maneggiamo in maniera impropria. Proprio l’uso scorretto di questi due strumenti ci porta di conseguenza a dire che questo potrebbe favorire il contagio, piuttosto che calarlo.

Ormai questi dispositivi di protezione sono diventati di uso quotidiano, e per questo ci danno un falso senso di sicurezza. Il caldo stagionale inoltre, ci fa tollerare ancora meno questi dispositivi mentre li indossiamo. Per non parlare delle abitudini scorrette, come non tenere la mascherina precisamente davanti alla bocca, parlare al telefono con lo smartphone che potrebbe essere infetto. Questi comportamenti non adatti ci portano ad essere automaticamente a rischio.

 

Mascherine e guanti: la mascherina deve essere indossata correttamente, dei guanti possiamo tranquillamente farne a meno

Carlo Perno, docente di microbiologia e virologia all’Università Statale di Milano, ha fatto delle dichiarazioni in merito alla questione: “La mascherina chirurgica può ridurre fino a un quinto il rischio di contagio, ma deve essere integra, non usurata e non bagnata. Quando la si indossa bisogna coprire bene naso e bocca: gli uomini, in particolare, dovrebbero evitare la barba lunga, che impedisce una buona aderenza al volto. Una volta tolta, la mascherina può essere riusata se ancora in buone condizioni: basta metterla a prendere aria, evitando però di appenderla all’attaccapanni vicino ad altri indumenti e non appoggiandola a diretto contatto col tavolo di lavoro se condiviso con altri colleghi e non sanificato”.

Per quanto riguarda i guanti invece, se usati in maniera scorretta, possono aumentare il contagio. Quando li indossiamo, non bisogna toccare le zone ove è possibile veicolare il virus, ossia occhi, bocca e naso. O li cambiamo spesso o e meglio farne proprio a meno. È più sicuro stare a mani nude e igienizzarle spesso.

VIAANSA