virus-tax-tassa

Rimaniamo tranquilli, la tassa di cui si è parlato molto in questo periodo non esiste. Né tantomeno verrà applicata dal Governo Italiano nel corso del 2020 per riparare la crisi economica causata dal Covid-19.

La notizia, che ha fatto accapponare la pelle della popolazione, è stata lanciata da un noto sito internet sottoforma di articolo. Questo parlava di un possibile prelievo forzoso verso la fine del 2020, dai conti correnti dei cittadini. L’annuncio poteva sembrar veritiero in quanto, dopo l’arrivo dell’Eurotassa (Governo Prodi, anni 2000), il passaggio dalla Lira all’Euro, aveva causato una profonda crisi.

L’idea, stando a quanto scritto sull’articolo, annunciava un pagamento obbligatorio che doveva essere direttamente proporzionale al reddito dei consumatori.

Virus Tax: il falso allarme è stato sfatato, la tassa non ci sarà

Il falso allarme messo in scena dal famoso articolo, ha scaturito un oceano di ribellioni e polemiche. Primo tra queste vi è il moto di protesta di tutti coloro che, purtroppo, non ne hanno la possibilità e faticano addirittura ad arrivare a fine mese.

Il Governo ha fortunatamente messo a tacere la notizia, ufficializzando la falsità dell’annuncio fatto circolare ultimamente nel web. Lo scopo di tale riuscita era probabilmente un modo per ricevere la popolarità.

Dunque, tiriamo un sospiro di sollievo perché, evidentemente, nessuna Virus Tax verrà applicata, né tantomeno saranno sottratte delle esorbitanti somme ai nostri conti correnti. Vogliamo però ricordarvi che questo non escluderà la possibilità di un inasprimento delle imposte, per andare appunto a coprire il periodo di crisi provocato dal Covid-19.