Esenzione Tasse: ecco chi non paga RAI, Bollo e Assicurazione Auto

Non sarà per sempre ma possiamo tirare un sospiro di sollievo dopo la momentanea decisione di dire addio tasse. Ecco chi non paga e dove non si paga,

coronavirus stop tasse e bolletteNon sarà per sempre ma possiamo tirare un sospiro di sollievo dopo la momentanea decisione di dire addio tasse. Il regime di svincolo dalle imposte è in atto sulla base di alcuni Decreti ed Emendamenti interni volti a fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Le disposizioni finanziarie sono cambiate a favore dell’agevolazione economica volta a ridistribuire la ricchezza peri beni primari.

In rete ed attraverso i media nazionali si fa notizia di uno stop al pagamento delle imposte per quel che riguarda bollo ed assicurazione auto oltre che per il canone RAI al di là dei requisiti minimi previsti dalla legislazione finanziaria originaria. Ecco verso chi e dove è rivolta la modifica al sistema di tariffazione.

 

Tasse auto e TV: nuove disposizioni per l’abolizione temporanea delle imposte più temute

Partiamo col dire che ogni misura in atto è dovuta al cosiddetto Decreto Cura Italia. un maxi fascicolo valido ai sensi di Legge per l’interpretazione della gestione economica e strategica del Paese.

Per quanto riguarda il canone RAI vale la clausola in proroga per il pagamento redatta da ARERA (autorità per energia elettrica e gas), la quale ha sospeso le entrate statali fino al 30 Aprile 2020 per le sole aree della “zona rossa” in riferimento a questi 11 Comuni: Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini in Lombardia e Vo’ in Veneto.

Il bollo auto slitta invece il pagamento nei confronti dei contribuenti chiamati ad onorare il Fisco nei mesi di marzo, aprile e maggio. Per questi è stata disposta la proroga fino al 30 Giugno 2020 in attesa di un riscontro positivo sull’infezione. Anche per la RC Auto valgono le medesime disposizioni nazionali che prevedono ora ulteriori 30 giorni di tempo aggiuntivi dopo la scadenza programmata delle polizze.

Importante notare come NON tutte le Regioni hanno deciso di aderire al piano di proroga. Si invitano i connazionali a prendere visione di eventuali operazioni speciali all’interno del sito del proprio Comune di Residenza.