Sappiamo che il 5G arriverà presto in tutti i mercati del pianeta. In Italia la connessione ad alta velocità di Tim, Wind 3, Vodafone, Iliad sta arrivando e molti utenti si dichiarano entusiasti di provare quella che è la miglior rete di sempre. Grazie alla latenza tendente allo zero, all’altissima velocità e alla iper-connettività fra dispositivi, si potrà sviluppare il mondo del domani basato su Smart Home e Smart Cities.

Sono mesi che non si parla d’altro e sempre più sono i convegni e gli eventi che gli operatori e i provider italiani organizzano sul territorio per far conoscere le potenzialità della nuova connessione ai futuri consumatori. Tuttavia c’è un aspetto che finora è sempre stato tralasciato e di cui non si è parlato abbastanza: la velocità del nuovo standard per le telecomunicazioni.

 

La velocità del 5G non sarà sempre uguale

 

Sulla rete 5G e sulla velocità è intervenuto il gestore di telefonia americano T-Mobile. E’ proprio questo provider che accusa il rivale Verizon per non avere una vera copertura relativa alla nuova rete

Di tutta risposta, l’AD del gestore accusato ha risposto replicando che la nuova connessione sarà sì ultra-veloce ma soltanto quando si appoggerà alle onde millimetriche viaggiando a frequenze che superano i 30 GHz. 

Per chi non lo sapesse, il nuovo standard non sarà sempre uguale: appoggiandosi a tre diverse onde per coprire i diversi scenari del quotidiano, bisogna considerare che non si può avere lo stesso risultato con tutte e tre le radiofrequenze.

Sulle fasce inferiori si noterà infatti una velocità ridotta, molto simile a quella del 4G. Perché avviene ciò? La frequenza di un’onda è maggiore e più veloce quando si trova senza ostali (come palazzi, edifici, pareti). Stando a quanto dichiarato dagli operatore, ci saranno più celle nelle zone con alta densità di popolazione proprio per evitare la scarsa qualità del segnale. In campagna invece si ipotizza la classica copertura 4G.