Inondato di pubblicità politiche ingannevoli su Facebook? Sembra un tuo problema.

Il social network, fermo nella sua politica secondo cui i politici sono “esenti” dal controllo dei fatti, incoraggia gli utenti a rinunciare semplicemente a vedere determinate promozioni.

Annunciato giovedì, una modifica al sistema pubblicitario politico di Facebook mira a “espandere la trasparenza” e “dare più controllo alle persone”.

Abbiamo scelto di non limitare il targeting di questi annunci“, ha scritto Rob Leathern, direttore della gestione dei prodotti, in un annuncio sul blog. “Abbiamo preso in considerazione la possibilità di farlo, ma attraverso un’ampia divulgazione e consultazioni abbiamo sentito parlare dell’importanza di questi strumenti per raggiungere un pubblico chiave“.

 

Facebook: la decisione di Facebook di accettare determinati annunci

Facebook svilupperà la possibilità di cercare annunci con frasi esatte, raggruppare annunci simili e filtrare i contenuti “per analizzare meglio i risultati”. Decisione presa a partire da questa estate, pochi mesi prima delle elezioni presidenziali statunitensi del 2020.

Ciò consentirà una ricerca più efficiente ed efficace per elettori, accademici o giornalisti che utilizzano queste funzionalità“, ha spiegato Leathern.

Tranne il fatto che, invece di filtrare le falsità promosse dai membri del partito, aumenta la tendenza alla conferma e diffonde disinformazione senza verifica.

Abbiamo basato [le nostre politiche] sul principio secondo cui le persone dovrebbero essere in grado di ascoltare coloro che desiderano condurli, le verruche e tutto il resto“, ha affermato Leathern.

Questo non significa che i politici possano dire quello che vogliono nelle pubblicità su Facebook“, ha aggiunto.

Vale a dire: discorsi di odio, contenuti dannosi e messaggi progettati per intimidire o impedire alle persone di esercitare il loro diritto di voto sono vietati. Le pubblicità fuorvianti sono OK.

Ciò è in linea con l’esenzione dall’integrità di Facebook, introdotta nel 2016, che consente di pubblicare messaggi che infrangono gli standard della comunità.