Vodafone inizia il venerdì con l'Happy Friday, ecco il regalo e 2 offerte

A partire dallo scorso autunno, tutte le compagnie telefoniche hanno attuato delle modifiche alle operazioni di ricarica del credito. Vodafone, così come TIM e Wind, ha deciso di ritirare dal mercato le famose stretch card dal valore minimo di mercato, da 5 e 10 euro. In pratica, nei vari punti vendita non è più possibile acquistare le schede con grattino e 16 cifre.

 

Vodafone, interviene anche l’AGCOM contro le nuove Giga Ricariche Special

In maniera speculare al ritiro delle vecchie ricariche cartacee, Vodafone ha deciso di promuovere una nuova operazione. Il gestore inglese – sempre in linea all’operato di Wind e di TIM – ha promosso le Giga Ricariche. 

Le Giga Ricariche sono disponibili sempre nei tagli da 5 e 10 euro. A differenza delle classiche ricariche, però, vi è una caratteristica da sottolineare. Al posto di ricevere il valore pieno di ricarica, gli utenti avranno a loro disposizione rispettivamente 4 e 9 euro per il credito residuo. L’euro aggiuntivo non sarà però una semplice commissione.

In nome di questa spesa extra, infatti, i clienti riceveranno un dono da Vodafone: 3 Giga extra che si aggiungeranno alle soglie della ricaricabile. I 3 Giga saranno utilizzabili per un mese a partire dal giorno dell’operazione. 

Nonostante Vodafone difenda a spada tratta questa strategia commerciale, dagli utenti è arrivato forte il disappunto. Anche l’AGCOM ha deciso di prendere provvedimenti contro il gestore, intimando di modificare quanto prima tal genere di operazione.

Ricordiamo che le Giga Ricariche sono disponibili in alcuni punti vendita Sisal e Lottomatica. I canali online di Vodafone prevedono ancora operazioni con credito pieno.