SIM clonate e conti azzerati agli utenti TIM, Vodafone, Iliad e Wind Tre

Negli ultimi anni navigare sul web è diventato sempre più difficile a causa delle molteplici truffe che, in maniera del tutto silenziosa, compromettono irreversibilmente la nostra privacy e, di fatto, l’integrità di tutti i nostri dati personali. Tutte queste violazioni, ormai, sono all’ordine del giorno ma, nella maggior parte dei casi, siamo proprio noi utenti a mettere in pericolo i nostri dati sensibili attraverso i molteplici contenuti che pubblichiamo sui profili social.

A causa di questi continui raggiri digitali, purtroppo, centinaia di migliaia di persone hanno iniziato a credere che qualcuno, o qualcosa, stia spiando il loro cellulare in maniera del tutto anonima. Fortunatamente, però, se pensate che qualcuno abbia accesso ai dati presenti sul vostro Smartphone, sappiate che gli operatori telefonici nazionali forniscono quotidianamente delle valide soluzioni per correre ai ripari. Scopriamo di seguito maggiori dettagli a riguardo.

Smartphone intercettati: finalmente è possibile scoprire se qualcuno ci sta spiando

Grazie alle soluzioni pensate per gli utenti, ad oggi scoprire se qualcuno sta intercettando il traffico in entrata sul nostro smartphone è diventato un gioco da ragazzi. Per farlo, infatti, basterà digitare i seguenti codici all’interno del tastierino numerico e schiacciare il tasto di chiamata:

  • Il primo codice da digitare è *#21#. Quest’ultimo ci permette di scoprire se la nostra linea è stata intercettata e, in particolare, se è attiva una deviazione delle chiamate o degli SMS verso un altro numero.
  • Si il primo codice è risultato positivo, bisognerà digitare anche *#62# per scoprire di fatto verso quale numero la deviazione è attualmente in atto.
  • Il terzo codice è *#*#4636#*#*. Quest’ultimo risulta essere quello più completo e può tornare realmente utile a tutti gli utenti e ad i loro smartphone. Attraverso questo codice è possibile accedere a diverse informazioni in maniera molto semplice semplice; digitata la stringa, infatti, l’utente sarà informato con dei parametri tali per comprendere se la propria linea è intercettata o meno. Concludiamo col dire che quest’ultimo codice, però, è valido solo per l’utenza in possesso di uno smartphone Android.