blank

Twitter sta finanziando un piccolo team di ricercatori per costruire uno “standard aperto e decentralizzato per i social media”. L’obiettivo di rendere Twitter un client per quello standardIl CEO Jack Dorsey ha annunciato la notizia e ha esposto il suo ragionamento in un thread di tweet, sebbene abbia riconosciuto che il processo potrebbe richiedere anni.

Il progetto si chiama Bluesky e nessuno ci sta ancora lavorando. Twitter CTO Parag Agrawal ha il compito di trovare una guida per il progetto, che creerà un team di un massimo di cinque persone.

Dorsey afferma di essere stato in parte ispirato da una proposta del fondatore di Techdirt Mike Masnick, che ha a lungo promosso uno standard di “protocolli, non piattaforme” per Internet. Dice anche che un sistema decentralizzato potrebbe risolvere alcuni problemi chiave con i social media, in particolare quelli di moderazione. “È improbabile che l’applicazione a livello centralizzato della politica globale per far fronte agli abusi e alle informazioni fuorvianti si ridimensioni a lungo termine senza gravare troppo sulle persone“, scrive Dorsey.

Agrawal ha twittato che il candidato ideale avrà esperienza di lavoro “all’aperto sulla blockchain”, e Dorsey indica la tecnologia blockchain come un modo in cui i social network decentralizzati potrebbero implementare “hosting aperto e durevole, governance e persino monetizzazione“. È relativamente facile vedere come le blockchain potrebbero aiutare a creare un sistema di pagamento decentralizzato. La tenuta dei registri distribuiti non offre una soluzione chiara per problemi come trovare i moderatori per gestire le comunità decentralizzate.

 

Twitter: i vantaggi che potrebbe portare Bluesky secondo Dorsey

Se Bluesky presenta un protocollo praticabile, Dorsey afferma che Twitter trarrebbe vantaggio dall’utilizzarlo perché “ci consentirà di accedere e contribuire a un corpus molto più ampio di conversazione pubblica, concentrare i nostri sforzi sulla costruzione di algoritmi di raccomandazione aperti che promuovono conversazioni salutari, e ci costringerà ad essere molto più innovativi rispetto al passato. Sostiene inoltre che il valore delle reti di social media sta diventando sempre più legato alla fornitura di algoritmi di raccomandazione piuttosto che all’hosting del contenuto stesso.