vpnAl giorno d’oggi l’utente medio italiano è sempre alla ricerca del metodo più rapido per cercare di aggirare il sistema, anche illegalmente, per cercare di pagare il meno possibile, nonché raggiungere gratuitamente servizio originariamente necessari di un canone fisso mensile.

Ultimamente la Guardia di Finanza ha messo duramente sotto scacco tutte le attività illecite legate al mondo delle pay TV, questo però non ha scoraggiato coloro che pensano che pagare il canone Sky sia più che superfluo. L’attenzione pare essersi spostata direttamente sulle cosiddette VPN, ovvero reti private virtuali che garantiscono l’anonimato a tutti gli utenti che hanno aderito al servizio.

 

VPN e IPTV: perché vengono continuamente utilizzate assieme?

Il funzionamento di una VPN è davvero molto più semplice di quanto potreste immaginare, tutto ruota attorno alla creazione di una sorta di tunnel crittografato che permette lo scambio protetto di informazioni tra il server ed il dispositivo dell’utente. I dati, anche se intercettati, non potranno essere decodificati in nessun modo.

Dall’altro lato troviamo la possibilità di oscurare l’indirizzo IP, soluzione fondamentale per l’utente che vuole accedere a Sky gratis, ma che teme di poter essere intercettato dalle forze dell’ordine (in quanto, lo ricordiamo, azione totalmente illegale). Le VPN maggiormente consigliate richiedono il pagamento di un canone fisso mensile, sul web si trovano anche soluzioni gratuite, ma che potrebbero svolgere male il proprio lavoro.

Nel nostro articolo vi abbiamo spiegato il funzionamento delle reti private virtuali, ma come potrete tranquillamente immaginare ne diffidiamo totalmente l’utilizzo per scopi illeciti o quant’altro.