Apple sta discutendo in anticipo con United Airlines per aiutare a migliorare il terminal dell’aeroporto internazionale di San Francisco.

Il motivo: Apple paga a United circa 150 milioni di dollari all’anno per i viaggi aziendali. Ciò lo rende il principale cliente aziendale della compagnia aerea. Il terminal di United ha apparentemente bisogno di un po’ di affari se deve rimanere la compagnia aerea ufficiale di Apple.

Tra le spese più alte di Apple come parte del suo contratto con lo United ci sono 50 posti in business class da San Francisco a Shanghai ogni giorno. Una figura dello United stampata su un cartello e erroneamente messa in mostra pubblicamente all’OFS all’inizio di quest’anno.

 

Apple: la disponibilità necessaria di questo grande volume di posti

Questi posti sono necessari a causa dell’enorme volume di dipendenti Apple che viaggiano ogni giorno tra gli Stati Uniti e la Cina. Apple invia inoltre dipendenti in numerosi altri paesi in cui dispone di infrastrutture per la catena di fornitura, partner commerciali e altre operazioni logistiche.

Mentre i voli di Shanghai costano a Apple circa 35 milioni di dollari all’anno, spendono circa 115 milioni circa per voli verso destinazioni principali come Hong Kong, Taipei, Seul, Tokyo, Londra e Singapore. Tutti questi dati, elencati come riservati sul banner di United, sono diventati informazioni pubbliche a gennaio. United ha rapidamente accettato la firma e si è impegnata a “rivedere e limitare ulteriormente la condivisione delle informazioni interne dei clienti a un pubblico strettamente necessario.”

A partire da ora, l’affare OFS è tutt’altro che concreto: non sappiamo se Apple potrebbe semplicemente lanciare un po ‘di soldi o se potrebbe effettivamente avere una mano in qualsiasi progetto. Ma i membri hanno visitato il terminal dell’OFS dello United. “Il team a San Francisco è stato nelle nostre aree di deposito bagagli, assistenza clienti e lobby“, ha detto Linda Jojo, vice presidente esecutivo della holding americana. “Sono deliberatamente vaga“, ha aggiunto. Forse tutto questo per evitare di insinuare direttamente prematuramente che Apple ha accettato un simile accordo.