Marte

Negli ultimi decenni, attraverso il raggiungimento e l’utilizzo di nuove tecnologie all’avanguardia, l’uomo ha finalmente archiviato degli enormi passi in avanti nell’esplorazione del Cosmo. Reso  possibile e lo è ancora oggi, grazie solamente  all’ausilio dei molteplici radiotelescopi, dei rover e dei satelliti lanciati nello spazio, oggi questi ultimi hanno permesso agli Scienziati di elargire la conoscenza di ciò che ci circonda riuscendo persino  nell’ardua impresa di fotografare un buco nero distante approssimativamente 52.000 miliardi di miliardi di chilometri dal pianeta Terra.

Sebbene l’universo sia infinito e, quindi, i pianeti esplorabili siano praticamente illimitati, ormai da tempo l’attenzione dei maggiori esperti è riversata su Marte, il famoso Pianeta Rosso di cui si ode spesso parlare. Le recenti missioni marziane avviate dalla NASA, infatti, hanno consentito all’uomo di portare a casa delle scoperte sensazionali che mai sarebbero potute essere immaginate venti anni fa. Scopriamo quindi di seguito tutto ciò che ad oggi conosciamo.

Marte: ecco le ultime novità del pianeta rosso

Le principali missioni attualmente attive sul Pianeta Rosso appartengono a quelle affidate alla più recente sonda InSight e al veterano rover Curiosity.

Recentemente grazie ai sensori montati sulla sonda InSight, la NASA è riuscita a catturare dei suoni molto interessanti che, a quanto pare, sarebbero riconducibili a forti raffiche di vento e a captare inaspettatamente, ad oltre 100 Marsquakes, anche dei fenomeni che sono stati registrati sotto il nome di terremoti marziani.

Per quanto concerne Curiosity, invece, quest’ultimo dopo circa 7 anni dal suo atterraggio sul Pianeta Rosso, è riuscito a captare qualcosa di sensazionale nell’area appartenente al cratere Gale. All’interno di quest’ultimo, infatti, Curiosity è riuscito a scovare alcune rocce ricche di sali minerali. Una prova inconfutabile, quindi, del fatto che molti anni fa quel luogo era  teatro di laghi salati