PostepayNell’ultimo periodo abbiamo assistito ad un numero sempre crescente di tentativi di truffa ai danni dei clienti di Poste Italiane in possesso di una carta ricaricabile PostePay. I messaggi ricevuti sono all’incirca sempre gli stessi, ma in tantissimi stanno continuando a cascarci.

Il meccanismo alla base della truffa riguarda sempre il solito phishing, il malvivente prova a contattare un ipotetico cliente di Poste Italiane inviando un messaggio di posta elettronica o contattandolo tramite un SMS testuale direttamente sullo smartphone. Dato un mittente ritenuto dal malcapitato più che affidabile, ci si lascia “fregare” dalla possibilità di vincere un premio, sbloccare il conto corrente o cambiare la password, semplicemente premendo il link inserito all’interno.

Coloro che lo faranno verranno difatti catapultati in un sito che nulla ha a che vedere con il mondo di PostePay, sebbene ne abbia assunto le sembianze. Nel compenso andranno a consegnare le proprie credenziali, e dati personali, nelle mani dei malfattori, che potranno davvero farne ciò che vogliono senza troppi problemi.

 

PostePay: ecco come Poste Italiane cerca di proteggere gli utenti

Per proteggere le carte ricaricabili degli utenti di Poste Italiane, l’azienda ha deciso di attivare un nuovo servizio, chiamato SMS Alert, con il quale viene offerta la possibilità (pagando un corrispettivo fisso a messaggio ricevuto) di ricevere SMS direttamente sul proprio smartphone, tutte le volte che è stata registrata una spesa con la carta collegata.

In questo modo si sarà sempre aggiornati sul singolo centesimo sborsato, in modo da evitare lo svuotamento del credito residuo e tutto ciò che ne deriva