piante sulla luna

Sulla Luna possono crescere delle piante terrestri, e la dimostrazione arriva da un germoglio di cotone cresciuto e subito morto sopra il rover Yutu-2 della missione lunare cinese Chang‘E-4.

Sulla faccia nascosta del nostro satellite è stato portato a termine questo curioso esperimento sulle capacità delle piante di svilupparsi in un ambiente ostile alla vita come lo spazio, partendo da semi in un vaso.

 

Luna tra vita e morte: le novità sulle prime piante nate sul satellite

Se anche gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale avevano già consumano con successo insalata coltivata in orbita, è la prima volta che un esperimento del genere riuscisse a far germogliare un seme. In pratica, la missione spaziale cinese ha ricostruito una microscopica biosfera terrestre con tanto di terra fertile e aria dentro un vaso pressurizzato.

Leggi anche:  NASA, continua lo sviluppo di nuove tecnologie per missioni sulla Luna

Nel vaso erano stati inseriti semi di diverse specie di piante insieme a dei lieviti e delle uova di moscerino della frutta. La fotosintesi avveniva per mezzo di un piccolo foro dove entrava la luce solare, mentre l’obiettivo del progetto era rendere autosufficiente l’ecosistema tramite il ciclo dei moscerini e dei lieviti. Purtroppo non c’è stato tempo per vederlo realizzato.

L’unica sopravvissuta alla mancanza di atmosfera è stata la pianta di cotone, ma l’escursione di temperatura nella notte lunare (si parla di – 170°C) non ha perdonato tanta audacia. La missione cinese sulla faccia nascosta del nostro satellite continua e il prossimo obiettivo è lo studio della superficie del cratere in cui passeggia il rover Yutu-2 e quanto sta sotto quella zona ai nostri occhi celata.