La missione Juno della NASA su Giove si sta preparando per il suo compito più grande, che prevede il salto sul gigante gassoso per evitare il congelamento perenne.

La missione si è impegnata con successo in una manovra propulsiva di 10,5 ore il 30 settembre, ha dichiarato la NASA in un comunicato stampa.

 

Juno: l’inizio della manovra e il funzionamento del veicolo spaziale

Juno ha iniziato la manovra lunedì alle 19:46 e terminato all’inizio del 1 ° ottobre. La manovra ha cambiato la velocità orbitale del veicolo spaziale di 126 mph e ha consumato circa 160 libbre di carburante. Senza questo turno, Giunone avrebbe trascorso 12 ore viaggiando attraverso l’ombra del pianeta, il che avrebbe probabilmente esaurito le batterie del veicolo spaziale. Senza potere, Giunone sarebbe “morto” al freddo e si sarebbe addormentato in modo permanente.

Saltare sopra l’ombra è stata una soluzione incredibilmente creativa per quella che sembrava una geometria fatale. Le eclissi non sono generalmente amiche del veicolo spaziale a energia solare“, ha affermato Scott Bolton, investigatore principale di Juno presso il Southwest Research Institute di San Antonio, in Texas. “Ora invece di preoccuparmi del congelamento a morte, non vedo l’ora della prossima scoperta scientifica che Giove ha in serbo per Juno.

Leggi anche:  Giove: scopriamo le ultime novità del Gigante del Sistema Solare

Il veicolo spaziale è entrato in un’orbita iniziale di 53 giorni attorno a Giove il 4 luglio 2016. Inizialmente, la missione prevedeva di ridurre al minimo le dimensioni della sua orbita per ridurre il periodo tra i voli scientifici della gigante del gas ogni due settimane. Tuttavia, il team del progetto ha raccomandato alla NASA di astenersi dal bruciare il motore principale a causa dei problemi del sistema di consegna del carburante. L’orbita di 53 giorni di Giunone fornisce tutta la scienza inizialmente pianificata, ma ci vorrà più tempo per portare a termine il lavoro. Questo è ciò che ha contribuito alla necessità di evitare l’ombra di Giove.