Pandora oggi lancia un’app desktop per utenti Windows dopo il suo debutto di un’app per Mac nativa all’inizio di quest’anno. Su Mac offre una varietà di funzionalità per gli utenti desktop, come le notifiche su schermo, i controlli da tastiera, un modo per selezionare le “modalità” di ascolto e altro. Tuttavia, non includeva il supporto per i podcast di streaming. La nuova app di Windows include un set di funzionalità simili.

Come la sua controparte Mac, l’app di Pandora per Windows può essere utilizzata sia da utenti gratuiti che da abbonati a pagamento.

 

Pandora e Pandora Plus: tutte le funzionalità disponibili

Gli utenti gratuiti avranno accesso alle stazioni supportate da pubblicità di Pandora, mentre gli abbonati Pandora Plus riceveranno stazioni senza pubblicità, salti illimitati, stazioni personalizzate e fino a quattro stazioni offline. Gli abbonati Pandora Premium, nel frattempo ottengono lo stesso, oltre alla possibilità di creare e condividere playlist, riprodurre album e brani su richiesta e sfruttare l’ascolto offline illimitato.

Come l’app per Mac, la versione di Windows supporta i controlli da tastiera per eseguire operazioni come riproduzione, pausa, riproduzione, riproduzione casuale, pollice su e giù, ecc. E supporta la funzione Modalità Pandora, che consente di perfezionare le stazioni personalizzate chiedendo a Pandora di concentrati maggiormente su alcuni tipi di canzoni, come quelli che sono più ascoltati dalle masse o per artisti emergenti.

Leggi anche:  Huawei MateBook, la nuova serie arriverà con Linux

Gli utenti desktop spesso preferiscono utilizzare un’app nativa invece di lasciare un servizio aperto in una scheda del browser in quanto consente loro un’esperienza più fluida e integrata. Detto questo, la versione Mac non aveva le migliori recensioni degli utenti Apple.

Tuttavia, il lancio di su app desktop native aiuta l’azienda di proprietà di SiriusXM a competere meglio con concorrenti come Apple Music e Spotify, che hanno entrambi offerto applicazioni desktop a lungo. Nel caso di Apple, in realtà è stato integrato così tanto in iTunes che la società ha deciso di dividerlo in parti con la prossima versione di macOS. Pandora non ha lo stesso problema, poiché non include una libreria utente o un marketplace.

L’app funziona su Windows 10. (Pandora supporta anche lo streaming su Xbox tramite l’app di Microsoft Store.)